La scuola di Missione "Aqua Electa" del movimento Cristo è la Risposta II, nasce con l'esigenza di trasmettere a giovani ed adulti che hanno un forte desiderio di esprimere un impegno militante nel campo del Signore di investire un tempo breve ma intenso nell'acquisizione di competenze evangelistiche e ministeriali da utilizzare per l'espansione e il consolidamento della chiesa locale.

Viviamo in tempi in cui è difficile staccare la spina, siamo presi nell'ingranaggio di una società che corre sempre più e tende ad espropriarci d'ogni momento, arrivando a colonizzare anche la nostra anima. Spesso la religione è marginalizzata e sospinta nell'ambito privato diventando così debole e superficiale. Uno dei modi più efficaci per riportare la vita spirituale al primo posto è considerare di spendere alcune settimane a tempo pieno immergendosi nella parola, nella preghiera e nel servizio cristiano. Non tutti possono frequentare una scuola biblica che richiede alcuni anni di frequenza, si può optare per lo studio serale una due volte la settimana in chiesa, che è senz'altro positivo, ma sarebbe eccellente considerare una via intermedia: frequentare per due mesi la scuola di missione "Aqua Electa".

P1000013Il dott. Vittorio Fiorese, sociologo delle religioni, è direttore della missione Cristo è la Risposta 2 dalla sua fondazione nel 20 giugno 1985 e divenuta poi, a partire dal 1997, la O.N.L.U.S “Volontari Itineranti Cristo è la Risposta”, legalmente riconosciuta per le numerose attività di volontariato e assistenza svolte nel centro Pilgrim Parking e in tutta la nazione.

Biografia:

Vittorio nasce in Veneto da famiglia professatamente atea e marxista. Sotto l’influenza del padre, che era stato partigiano nella seconda guerra mondiale, riceve un’educazione di sinistra in cui fondamentali erano i valori di uguaglianza e solidarietà per tutti gli uomini. Partecipa con passione alle ondate di contestazione che dal 68’ attraversano il mondo occidentale e l’Italia, sognando insieme ai suoi coetanei la possibilità di un mondo nuovo. Ben presto però, vede la sua generazione perdersi nelle oscure pieghe della lotta armata o dietro agli effetti devastanti delle droghe che dilagavano nell’ambiente hippie degli anni 70.

 

DSC 0003

Nel 1995, nel cuore dei responsabili di “Cristo è la Risposta 2” si fece strada la consapevolezza di quanto fosse necessario, al fine di ampliare le possibilità operative della missione, trovare una base permanente. Non passò molto tempo che Dio parlò al cuore di una donna, in Sicilia, la quale sentì di donare la somma necessaria al gruppo per acquistare il terreno che oggi è diventato il nostro centro “Pilgrim Parking”.

In quanto missione internazionale, Cristo è la Risposta si è andata gradualmente differenziando, adattandosi ai diversi contesti in cui si è trovata ad operare.

A differenza di come si possa pensare, dal punto di vista morale è forse proprio l’Europa il campo di missione più bisognoso della terra. Dappertutto le chiese stanno crescendo mentre in Europa c’è una perdita continua di credenti a causa della secolarizzazione, il relativismo e il materialismo.

Nonostante l’Italia sia considerata la capitale del cattolicesimo, quella cattolica è spesso solo l’etichetta in cui la maggioranza degli italiani si identifica per tradizione.

 

Cristo è la Risposta 2 è parte del gruppo missionario internazionale “Christ is the Answer”, che trae le sue origini all’inizio degli anni ’70 negli Stati Uniti, nell’ambito del vasto movimento di risveglio che va sotto il nome di “Jesus People Revival” e in cui centinaia di giovani sperimentarono la conversione a Cristo. Molti venivano dagli ambienti della contro cultura, dalle grandi lotte politiche e manifestazioni contro la guerra del Vietnam, altri uscivano da situazioni devianti di droga, alcolismo e ribellione. Attraverso l’esperienza trasformante dell’incontro con un Gesù vivente, capace di rinnovare la propria esistenza e di riempire il vuoto interiore, decisero di lasciare ogni cosa, le proprie famiglie, le proprie case, comodità per vivere un ideale di cristianesimo semplice e radicale, spesso in comuni dove come nel libro degli Atti degli Apostoli ogni cosa era condivisa e il desiderio maggiore era diffondere quel messaggio di speranza e potenza, l’Evangelo che aveva cambiato le loro vite per sempre.

Mi chiamo Arianna, ho 29 anni e vengo da Palagonia, un piccolo paesino della provincia di Catania. Son cresciuta in una tradizionale famiglia cattolica, dove ho ricevuto sin da piccolina sani insegnamenti e dove ho sempre sentito parlare di Gesù, che però per me era solo una religione. Nell'età dell'adolescenza mi fidanzai con la mia prima cotta d'amore, che divenne presto il mio ragazzo per ben 8 anni. Quasi ad un passo dal matrimonio però decidemmo di lasciarci perché da tempo le nostre strade si erano divise. Quando ciò avvenne mi sentii crollare il mondo addosso, perché sebbene non lo amassi più gli ero legata perchè tutti quegli anni era stato il centro della mia vita. Un senso di confusione e quasi di ingiustizia divina mi invase in quanto non capivo il perché stava capitando proprio a me, visto che in fondo ero sempre stata la classica brava ragazza.